🚀  Offerta a tempo limitato: Ecommerce scontato al 50% più APP in regalo. Scoprila ora! 🎉

5 Dritte su come vendere quadri online

vendere quadri su internet

CONDIVIDI

Ad un certo punto della propria carriera, ogni artista che si rispetti si chiede come vendere quadri online per fare della propria passione un vero e proprio lavoro, sebbene fare questo passo può essere difficile per quegli artisti che peccano di insicurezza e credono di non essere all’altezza del mercato.

Se appartieni a questo gruppo e affermazioni come “Chi vorrà mai comprare i miei quadri?” o “Non sono abbastanza bravo per vendere le mie opere” ti sono familiari, abbiamo una buona notizia per te: il mercato online è talmente ampio e variegato che c’è posto per tutti!

Ad oggi, infatti, esistono infinite possibilità per poter emergere nel mondo del web e riuscire a monetizzare attraverso le tue opere d’arte. Ci sono molti siti per vendere quadri e, soprattutto, c’è la potenza dei social network per vendere quadri su internet e fare della tua arte più di un semplice hobby.

In questo articolo vedremo come vendere quadri online partendo da una visione più imprenditoriale e meno hobbistica della cosa.

1. Vendere quadri online: cosa devi sapere

Partiamo col dire che vendere quadri online non è un’impresa semplice e banale, ma è possibile. 

Da una parte, troviamo una grandissima offerta di artisti professionisti e dilettanti, che hanno trovato nel web un valido canale di diffusione e promozione delle proprie opere. Dall’altra, invece, vediamo che la domanda di opere d’arte originali di autori contemporanei è abbastanza esigua.

siti per vendere quadri

Infatti, il diffondersi di macchine fotografiche a basso costo e smartphone con fotocamere di alta qualità, l’uso sempre più frequente di programmi di foto ritocco, insieme alla possibilità di stampare i propri elaborati fotografici su qualsiasi supporto – inclusa la tela – induce molti utenti a preferire la stampa di una propria fotografia da esporre in casa piuttosto che l’acquisto di un quadro. Inoltre, la possibilità di acquistare quadri moderni riprodotti in serie a costi estremamente bassi, riduce la richiesta di quadri originali di pittori contemporanei.

Dunque, ci troviamo di fronte a un mercato molto complesso fatto di pochissimi utenti interessati a quadri d’autore e tantissimi artisti che tentano di proporre la vendita dei loro quadri. Ne consegue che, per vendere quadri online e avere successo come artista, non basta realizzare opere di valore e trovare dei clienti interessati: bisogna conoscere il mercato ed essere in grado di piazzare i propri lavori.

2. Superare la paura di vendere quadri su internet

vendere quadri online

Prima di iniziare a vendere quadri online, devi innanzitutto credere in te stesso e nel tuo lavoro. Vendere significa guadagnare dei soldi, certo, ma significa anche esporsi e questo può far paura a molti artisti. Un conto, infatti, è dipingere per sé e mostrare i propri lavori ad amici e parenti; tutta un’altra cosa è dare un valore, un prezzo alle proprie opere ed sottoporle agli sguardi e alle possibili critiche del pubblico. Inoltre, spesso si può avere il timore di non valere abbastanza per vendere i propri dipinti: “i miei quadri sono belli per essere regalati, ma non belli abbastanza da essere comprati da qualcuno”. 

Supera l’insicurezza e le tue paure, ricorda che dietro ogni opera d’arte ci sono ore di lavoro e impegno e questo sforzo merita di essere riconosciuto e pagato. D’altronde, se nessuno avesse pagato per il loro lavoro, oggi non goderemmo delle opere dei più grandi artisti di tutti i tempi!

3. Conoscere la clientela per vendere le proprie opere online 

Dopo aver superato le tue insicurezze e sentirti pronto a vendere quadri online, devi conoscere il tuo pubblico. A chi interessano (o potrebbero interessare) i tuoi lavori? Quanti di questi estimatori della tua arte possono trasformarsi in clienti?

Tieni sempre in conto che, sebbene l’arte piaccia a molte persone, in pochi apprezzeranno davvero le tue opere, almeno inizialmente, al punto da spendere dei soldi per accaparrarsene una. Potresti pensare che i collezionisti a cui ti devi rivolgere siano dei ricconi di un certa età con cui è difficile entrare in contatto, ma in realtà, statisticamente parlando, i tuoi potenziali compratori appartengono – e apparterranno sempre di più – alla categoria dei Millennials o Generazione Y.

È importante, dunque, avere le idee chiare su cosa e a chi vuoi vendere, in modo da scegliere i canali di vendita più in linea con il target a cui vuoi rivolgerti.

4. Come vendere quadri online grazie al Marketing e ai Social Media

Come abbiamo accennato, vendere quadri su internet non è semplice, ma a complicare la situazione si aggiunge il fatto che spesso gli artisti preferiscono dedicarsi esclusivamente alla creazione delle proprie opere e tralasciano totalmente l’aspetto più importante della vendita – ovvero il marketing, aspettandosi che sia un terzo benefattore a farsi carico di investimento economico.

vendere quadri antichi

Purtroppo questa scelta non si rivela sempre vincente: certo, art dealer e gallerie d’arte possono, in alcuni casi, investire su degli artisti in cui credono fermamente ma, per ovvie ragioni, questo numero sarà estremamente ridotto, di modo che la stragrande maggioranza degli artisti sarà abbandonata al proprio destino.

Ti invitiamo, dunque, a non trascurare l’importanza del marketing per promuovere e vendere quadri attraverso i social network: ad esempio Facebook, Instagram, Twitter, Pinterest, Linkedin, per citare i più potenti. Prova a pensare quante migliaia di persone possono raggiungere il tuo lavoro attraverso i social con le giuste azioni di marketing! 

Far crescere la tua autorevolezza online è indispensabile ai fini di intraprendere un percorso imprenditoriale finalizzato a vendere quadri su internet.

5. Vendere quadri online con Vetrina Live

Se, al contrario, preferisci avere uno spazio di vendita tutto tuo, ti consigliamo di creare un e-commerce per vendere quadri. Sappiamo che le piattaforme di commercio elettronico possono essere molto costose e difficili da utilizzare; per questo motivo vogliamo parlarti di Vetrina Live, una piattaforma tutta italiana compatibile con qualunque tipo di attività commerciale, prodotto o servizio tu voglia vendere.

dashboard vetrinalive da smartphone ordini

Vetrina Live è facile da utilizzare, ma allo stesso tempo offre un e-commerce completo e strutturato su cui puoi aggiungere e modificare i prodotti in vendita in completa autonomia e semplicità, senza bisogno di alcuna competenza tecnica. Inoltre, Vetrina Live ti consente di gestire gli ordini in maniera efficiente, direttamente dal pannello amministrativo della tua vetrina (anche da smartphone) e di condividere tutte le novità tramite Whatsapp, Instagram, Facebook e altri social networks in pochi clic. 

Un ulteriore vantaggio della piattaforma sta nel fatto che Vetrina Live non trattiene nessuna commissione sulle vendite! Per creare la tua vetrina e iniziare a vendere quadri online ti basterà scegliere il piano mensile che più si addice alle tue esigenze e avviare il tuo e-commerce al costo minimo di 0,50€ al giorno, senza commissioni aggiuntive sul venduto.

Se hai già un cospicuo numero di opere d’arte da vendere, creare il tuo proprio e-commerce con Vetrina Live può essere la soluzione giusta per raccogliere i tuoi lavori in un unico spazio di vendita facile da gestire.

6. Siti per vendere quadri

Alla luce di quanto detto fin qui, è chiaro che il web è un ottimo posto per iniziare a vendere quadri, tanto per dilettanti che per artisti professionisti.

Ci si può rivolgere a marketplace come eBay, Subito.it o Amazon, oppure ai social network come Facebook e Instagram, i quali però presentano molte pecche per l’artista: si tratta di piattaforme generaliste, non rivolte a un pubblico specializzato e non tecnicamente pensate per valorizzare al meglio un’opera d’arte. 

vendere quadri online

È sicuramente meglio optare per portali specializzati in cui il pubblico è targettizzato e l’artista ha maggiori possibilità di attirare utenti interessati alle proprie opere. Vediamo allora quali sono i principali siti per vendere quadri:

  • Etsy: tra i più famosi siti web dedicati all’artigianato, al vintage e all’arte, dove vendere quadri usati, vendere quadri antichi o vendere quadri originali di artisti contemporanei e trattare direttamente con i clienti, in modo molto veloce.
  • Artfinder: sito specializzato nella vendita di opere d’arte che attira moltissimi utenti. Di fatto, è un’enorme galleria online che consente agli artisti di presentarsi al grande pubblico in cui, però, non si vende direttamente al cliente; infatti, la piattaforma – che ha tutto l’interesse a promuovere le tue opere – trattiene circa un terzo del ricavato delle vendite.
  • Rise Art: si tratta di un’altra galleria online, a cui è possibile accedere soltanto dopo un’attenta selezione da parte dei curatori. Questa selezione all’ingresso garantisce un’alta qualità delle opere esposte sul portale e gli utenti che navigano su di esso lo sanno molto bene. Importante: Rise Art non richiede esclusività quindi può essere un’ottima scelta per vendere quadri online.
  • Saatchi Art: molto simile alla precedente, pure questa piattaforma seleziona gli artisti e non richiede l’esclusività e anche qui c’è una trattenuta importante, sempre di circa un terzo del ricavo.
  • Pitturiamo.com: portale che sponsorizza principalmente artisti contemporanei emergenti. L’iscrizione è completamente gratuita e puoi caricare tutte le opere che vuoi inserendo descrizione, anno e prezzo; la trattativa con il cliente è privata, così come il pagamento e la spedizione. Ad oggi, Pitturiamo.com rappresenta un ottimo punto di riferimento per artisti, collezionisti, galleristi o, più semplicemente, per chi cerca delle opere d’arte da acquistare.
  • Catawiki.com: una piattaforma di alto livello per vendere quadri all’asta; l’iscrizione è completamente gratuita ma, nel caso di vendita, il sito trattiene una piccola percentuale per i costi di gestione. Per vendere quadri online su Catawiki, bisogna passare un’attenta selezione da parte di esperti di arte e collezionismo. 
  • Vetrina Live: come abbiamo visto, si tratta di una piattaforma made in Italy che ti permette di creare un e-commerce in pochi clic dietro il pagamento di un esiguo canone mensile e senza alcuna commissione di vendita.

Qualunque sia il sito per vendere quadri che sceglierai per promuovere le tue opere d’arte, tieni sempre a mente di caricare un’immagine di alta qualità e focalizzata solo sulla tua opera, in modo da attirare maggiormente l’attenzione dei clienti e avere un risultato più professionale e ricercato. Oltre che grazie alla cura delle immagini scelte, le visualizzazioni cresceranno anche in base al numero di opere caricate e a quanto la tua presenza sulla piattaforma sarà costante.

CONCLUSIONI

Se sei approdato qui con l’idea di scoprire come vendere quadri online, dopo la lettura avrai sicuramente appreso che ci sono numerose possibilità per vendere quadri su internet: dai più popolari siti web dove vendere quadri usati o vendere quadri antichi ai portali specializzati in cui vendere quadri originali.

Se, invece, sei particolarmente motivato e, piuttosto che usare le piattaforme disponibili sul web, preferisci creare il tuo negozio online per vendere quadri, ti consigliamo di leggere il nostro articolo su “Come creare un e-commerce nel modo più semplice e senza esperienza”.

In definitiva, i consigli che ci sentiamo di darti per vendere quadri online sono di non aver paura di dare il giusto valore (e prezzo) alle tue opere, di aprire la mente verso il commercio dell’arte, di esplorare nuovi canali di vendita e, soprattutto, di avere pazienza: i risultati potrebbero metterci un po’ ad arrivare, ma arriveranno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi risorse gratuite per migliorare la vendita della tua attività.

Giuseppe

Giuseppe

Giuseppe è un appassionato di internet e tecnologia con esperienza decennale in digital marketing. Arriva in Vetrina Live come responsabile marketing dopo aver lavorato a Milano per multinazionali media ed e-commerce di abbigliamento.

Potrebbe interessarti anche